Loading... Please waiting.

We IPM your world


We study and provide the best tools
for integrated pest management
in the professional pest control
industry across Europe.

Pest Control events

12th Conference of the IOBC-WPRS Working Group on the Integrated Protection of Stored Products (IPSP)
04-06/09/2019 – ITALIA, Pisa
PEST WORLD 2019
15-18/10/2019 – USA, San Diego
PEST TECH 2019
6/11/2019 – UK, Milton Keynes
   

Derattizzazione e disinfestazione degli ambienti da topi e ratti

Per capire come agiscono le trappole per topi, è bene conoscere le caratteristiche ed il comportamento dei roditori


Derattizzazione e disinfestazione degli ambienti da topi e ratti

Topi e Ratti sono mammiferi appartenenti all’ordine dei Roditori. Le specie appartenenti a quest’ordine sono numericamente quasi pari alle specie degli altri mammiferi, ma contano una quantità di individui al loro interno di gran lunga superiore. Quando si progettano trappole per topi e ratti, occorre tenere in considerazione che ciò che distingue questi animali dagli altri mammiferi è la presenza di un unico paio di incisivi, molto sviluppati, su entrambe le arcate dentarie. Questi incisivi vengono utilizzati da topi e ratti per "rodere" tutto quello che capita, dal momento che sono dotati della capacità di crescere e svilupparsi per tutta la vita dell'animale.

Altro elemento che occorre tenere presente nella costruzione di trappole per topi e ratti è che questi animali sono dotati di sensi particolarmente sviluppati, nonchè di una notevole scaltrezza ed intelligenza.

Tra le specie dei roditori, la famiglia dei Muridi, quella a cui appartengono topi e ratti, è la più prolifica tra i mammiferi: alcuni di loro partoriscono in tane apposite, altri utilizzano avvallamenti presenti nel terreno, altri ancora costruiscono nidi con diversi materiali. A seconda della specie cui appartengono, la gestazione si protrae per circa 3-4 settimane e, per ogni parto, nascono da 6 a 14 cuccioli. Altro elemento da tenere in considerazione è che i parti possono succedersi per tutto l'anno, fino a raggiungere il numero di 7-8.

Riproduzione e Sviluppo di topi e ratti

I roditori sono in grado di riprodursi velocemente ed aumentare la densità della popolazione (numero di esemplari per superficie). Per espandere una colonia di topi e ratti e perdurare nel tempo, è sufficiente che sopravviva il 10% degli individui.

Topo e ratto bruno diventano sessualmente maturi a 8-12 settimane dalla nascita, mentre la gestazione è di 20-23 giorni. I giovani topi diventano autonomi in circa 20 giorni. Nel processo di riproduzione dei topi e dei ratti, soprattutto delle femmine, ciò che incide è la disponibilità di cibo come quantità e qualità. L'altro fattore che incide nella riproduzione è la temperatura. Quando si installano e si utilizzano trappole per topi è opportuno tenere presente l'esistenza di questi fattori, che possono incidere nel processo di derattizzazione degli ambienti.

Il tipo e la disponibilità di risorse alimentari incide sul movimento attivo di topi e ratti. La maggior parte degli spostamenti giornalieri è caratterizzata dal percorso "fonte di alimento" - "nido". Di norma il "raggio di azione" di questi animali è di qualche decina di metro, ma anche oltre, un ratto grigio maschio ad esempio compie spostamenti anche di centinaia di metri dal nido. Nell'arco delle 24 ore i loro movimenti hanno ritmi precisi: di norma l'attività è minima durante le ore del giorno ed ha il suo picco massimo nelle ore successive al tramonto. Per il Mus  musculus, ad esempio, i picchi di attività si verificano dalle 18:00 alle 22:00 e dalle 04:00 alle 06:00.

Nidi e tane di topi e ratti: quali sono le loro caratteristiche?

Un altro elemento che occorre tenere presente per utilizzare al meglio le trappole per topi e ratti riguarda le tane: quelle dei ratti sono più articolate di quelle dei topi.

Di norma scavate in prossimità di corsi o fonti d'acqua (R. norvegicus), queste tane hanno gallerie piuttosto lunghe, intercomunicanti e munite di ingressi. Il nido, nelle comunità di topi e ratti, assolve ad alcune funzioni basilari: è un luogo per allevare i giovani, ma anche una tana per trovare rifugio dai predatori, un punto di sosta in cui stazionare durante le ore di luce, in attesa del sopraggiungere del tramonto.

Dove vengono realizzati nidi e tane?

La scelta del luogo in cui costruire le tane ricade nei punti in cui è possibile ridurre al minimo gli spostamenti per la ricerca del cibo.

La complessità del sistema di tane dei ratti dipende dal numero di individui che vivono nell’area. Il topo comune scava una tana semplice, quando vive all’esterno di edifici. Il topo sceglie dove costruire le proprie tane nei luoghi tali da consentire una efficiente regolazione della temperatura. All’interno del nido vengono, infatti, portati materiali che aiutano l’isolamento termico (legno, carta, tessuti, ecc.).

Quali danni provocano topi e ratti?

Il motivo per cui è fondamentale derattizzare un ambiente ed utilizzare trappole per topi efficaci è che i danni causati dai roditori possono risultare davvero enormi.

È stato calcolato che, in 24 ore, 20 ratti sono in grado di consumare o contaminare derrate alimentari sufficienti ad alimentare un uomo in piena attività per un giorno intero.

Per via della loro prolificità e della loro capacità di diffondere nell'ambiente microrganismi patogeni e batteri nocivi per l’uomo e per gli animali domestici, topi e ratti possono risultare inoltre pericolosi veicoli di malattie.

In ogni caso, possiamo distinguere i danni procurati da questi animali in due categorie:

  1. Danni diretti, ovvero il danneggiamento e il consumo di coltivazioni, materie prime alimentari, derrate conservate in magazzini o silos, ma anche l'uccisione di altri animali domestici allevati (pulcini, conigli, galline) e l'erosione di cavi elettrici e altri materiali;
  2. Danni indiretti, ovvero quelli connessi alla trasmissione di microrganismi patogeni e batteri, portatori di gravi malattie per l'uomo e per gli animali in allevamento, come la rabbia, la salmonellosi, la eptospirosi, la peste, etc.


Per questo, quando si verifica un'infestazione di topi e ratti in un ambiente domestico, ma soprattutto in un ambiente industriale, ove vengono conservate derrate agricole o alimentari, è assolutamente fondamentale impedire al più presto alla colonia di riprodursi e ricorrere a trappole per topi e sistemi di monitoraggio efficaci e immediati, come quelli progettati e messi a punto da GEA per coloro che operano nel settore della disinfestazione.

Quali sono le infezioni e le malattie che topi e ratti possono trasmettere?

La più comune malattia causata da topi e ratti è la leptospirosi. Stiamo parlando di un'infezione provocata dal batterio Leptospira icterohaemorrhagiae.

Nei ratti infetti si localizza a livello renale e può essere trasmesso tramite morsi o contatto con l'urina. I sintomi legati a questa patologia sono febbre alta, mal di testa, desquamazione della pelle, crampi addominali. Per una diagnosi certa sono indispensabili esami di laboratorio di tipo medico.

Combatti in modo efficace topi e ratti

Se siete professionisti della derattizzazione e operate nel settore della disinfestazione, in particolare in ambienti industriali e civili, GEA può fornirvi gli strumenti e le armi più efficaci per contenere le infestazioni di topi e ratti. La linea per professionisti InPest offre due diverse categorie di trappole per topi e ratti:

  • Trappole per topi e ratti adesive, il cui utilizzo è consigliato soprattutto dove usare rodenticidi significherebbe mettere in pericolo la salute di persone e animali non infestanti;
  • Contenitori e trappole per roditori.


Per qualsiasi richiesta o dubbio in merito all'utilizzo del prodotto migliore per risolvere il vostro caso specifico, potete rivolgere la vostra domanda all'Esperto in disinfestazione di GEA. Saremo lieti di rispondere ad ogni quesito tecnico e pratico.